Oggi è gio ago 21, 2014 12:10 pm

Contatta l'amministratore

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: INCESTI ITALIANI 9: Cara Zia (2005,Showtime)
MessaggioInviato: mer giu 15, 2011 1:58 am 
Non connesso
Veterano dell'impulso
Veterano dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 27/09/2009, 12:23
Messaggi: 4309
Località: Un postribolo a Torre Quetta
Sesso: Maschio
INCESTI ITALIANI 9: Cara Zia

Image Image


PRODUZIONE: Showtime
ANNO: 2005
DURATA: 80 min
GENERE: Incesto (film in 3 episodi)
REGIA: Andy Casanova

CAST:
Episodio #1: IN VIAGGIO CON PAPA'
Gabriel Montoya (padre), Omar Galanti (Luca, il figlio), Letizia Bruni (figlia)

Episodio #2: CARA ZIA
Jessica Gayle (zia), Giorgio Grandi (Roberto, il nipote)

Episodio #3: LA MAMMA E' SEMPRE LA MAMMA
Celine Dior (Silvia, la figlia), Selvaggia (madre), Federico Barbarossa (Francesco, il convivente)



IN VIAGGIO CON PAPA' (Letizia Bruni, Gabriel Montoya, Omar Galanti)
La prima scena si apre con una bella panoramica di barche ormeggiate in un porto, dal quale, con l'aiuto di San Pietro, patrono dei pescatori, un'allegra famigliola, padre e due figli, sta salpando nella speranza di godersi una bella gita in barca...
Il padre (Gabriel Montoya) è il classico sborone, che si vanta a destra e a manca del suo nuovo acquisto; il figlio maschio (Omar Galanti) è poco soddisfatto della barca (tant'è vero che viene anche cazziato dal padre per lo scarso entusiasmo mostrato); la figlia femmina (Letizia Bruni) è al contrario eccitatissima e non vede l'ora di partire all'avventura.
Il primo scambio di battute tra genitore e figlio fa subito capire il loro rapporto di falsa gerarchia, che sfocerà in un confronto generazionale più avanti:
Padre: "Impara ad avere rispetto per tuo padre!"
Figlio: "Fanculo!"
La figlia inizia subito a dar sui nervi a qualunque spettatore, comportandosi da cretina (non ci sono eufemismi che potrebbero renderle giustizia), si fionda al timone e inizia il suo "bruuuuum bruuuuum"...
La barca raggiunge il largo, con il padre che lamenta la mancanza di pesce, il figlio che opta per farsi una nuotata proprio dove il padre tentava di pescare (e vai di insulti) e la figlia che ride per qualsiasi cosa...
E' tempo di ripartire, ma il capofamiglia si accorge che c'è qualcosa che non va... il motore non vuol saperne di ripartire, e i suoi "puttana Eva!" non migliorano la situazione. La fanciulla inizia a gridare come una pazza, il fratello catastrofista si vede già alla deriva... meno male che il padre sembra essere più costruttivo!
Purtroppo niente da fare, passano le ore, e i tre restano bloccati in mare, almeno fino al momento in cui un'isoletta sperduta appare all'orizzonte. La raggiungono, si dividono i compiti secondo gli insegnamenti del Rousseau e iniziano la loro nuova vita alla Robinson Crousoe (o alla Piccola Flo, a vostra discrezione).
Passano 2 mesi, la ragazza è sempre più cretina, tanto che manco il padre la sopporta più, ma il fato è propizio: trovano una grotta e anche una cascata!
Cosa vi fa venire in mente la cascata? Esatto, una bella doccia della pulzella... a cui assiste il fratello tirandosi un raspone. Distratto dalla sega il nostro eroe inciampa e lei lo nota... lo spia... raggiunta dal padre che la tranquillizza con un semplicistico "noi siamo uomini e tu sei una femmina, la nostra femmina" e gli mette il cazzo in mano. Dopo una breve sega lui la prende per mano e la porta dal fratello, che, dopo un piccolo shock iniziale ("ma è mia sorella"), accetta le avances. Lei si inginocchia tra i due e inizia una doppia sega, seguita da un bel pompino alternato. La scena seguente la vede a smorzacandela sul pisello paterno mentre ciuccia avida quello fraterno.
Dopo un pò ci si alterna... tutti e tre stesi su di una coperta di fortuna, il fratello la scopa in figa e il padre si gusta la pompa.
Terza scena, con lei a mezza pecora, il fratello dietro e il padre in piedi davanti a lei. Dopo un ultimo scambio di posto tra i due, con tanto di anal, è tempo di venire... ovviamente entrambi nella sua bocca aperta. La scena si chiude con i due maschi che rifiutano i soccorsi e si caricano a braccia la loro preda nella foresta... naufraghi per sempre...

Image


CARA ZIA (Jessica Gayle, Giorgio Grandi)
La seconda scena si apre con le amorevoli carezze di zia (Jessica Gayle) a nipote (Giorgio Grandi), adagiato a letto sul suo seno... e parte il racconto flashback...
Vediamo il nipote incontrare la bella parente, per sua ammissione a digiuno di sesso da tempo immemorabile, dopo tanto tempo... gli mostra la sua stanza, gli mostra dei ricordi, lo stringe amorevolmente al seno. La scena si sposta in cucina, lei gli prepara un caffe e guarda
caso gliene versa un pò proprio sulla patta, che si accinge a pulire... lui rifiuta l'aiuto e la scena finisce così. Ora siamo su di un prato, prima sono stesi a respirare aria pura, poi giocano a rincorrersi, fino a che, stremati, optano per tornare a casa. Qui vediamo lui su di un lettone e lei che arriva con un vestito nuovo a cercar consensi. Lui si mostra subito contento e scatta le gag del "allentami la cerniera del vestito". Qui scatta un bacio appassionato tra i due e poi dritti a letto, con lui completamente nudo ed in tiro e lei in lingerie sexy (slip, reggiseno, calze autoreggenti). Inizia a leccarlo tutto, dai capezzoli fino ad imboccarsi il pisello e iniziare un bel pompino profondo e rumoroso da esperta, con tanto di carezze sulle palle.
Piccola nota, lui ha il cazzo molto storto.
Ora tocca a lui restituire il favore, e così scatta il cunnilinguus, e subito l'aria si riempie dei gemiti di lei. Parte la scopata con lei a gambe aperte e lui che la pistona per bene e le carezza il seno. Si cambia posizione ed eccoli entrambi di fianco con lui che non smette di scoparla. Terza posizione, lui steso a letto che la tiene per i fianchi e per il seno e lei a smorzacandela che va su e giu. Le grida di lei aumentano sempre più, fino ad una bella pecorina, preludio della venuta sulla sua lingua. Un bel lavaggio genitale a colpi di lingua e la scena si chiude.

Image


LA MAMMA E' SEMPRE LA MAMMA (Celine Dior, Selvaggia, Federico Barbarossa)
La terza scena si apre con la figlia (Celine Dior) in pigiama infantile che raggiunge assonnata la mamma (Selvaggia) in cucina, intenta a preparare la colazione. Dai loro discorsi si capisce che il padre le ha abbandonate per un'altra donna e loro versano in una situazione economica disperata. La soluzione sembra essere tal Francesco (Federico Barbarrosa), un amico della mamma con cui si vanta con la figlia di "aver anche scopato" e che sembra avere un debole per la giovane. Ecco le loro lingue intrecciarsi in un bacio saffico appassionato, prologo di un cunnilinguus a pecorina alla mamma seduta su di una sedia... La scena successiva vede coinvolto anche il già citato Francesco, che in cucina, in una amichevole chiacchierata tra le due, si ritrova con la figlia della sua compagna che gli tocca la patta sotto lo sguardo fiero della mamma...
La scena si sposta a sera inoltrata, con il nostro eroe sul divano e la figlia che fa di tutto per eccitare il nostro stoico imperturbabile (pulizie in minigonna, ondeggiamenti di bacino, asciugamani che cascano...), e ci scappa pure la morale fuori campo:
"Gli uomini sono tutti dei maiali, vanno a convivere con la madre ma guardano sotte le gonne delle figlie... che schifo!"
La scena decisiva inizia ora, con i conviventi a letto a discutere e la figlia di lei che entra senza bussare e si mette a letto tra i due. Bel threesome con la mamma che lecca la figlia e il maschio che la bacia e palpa, sega in primo piano della figlia mentre la mamma lo limona, doppio pompino delle due e si inizia a scopare invertendo la sacra legge della maniglia "prima la mamma e poi la figlia". Scopata a pecora per la giovane mentre i parenti si dedicano ad un bel 69 e conclusiva venuta sulle loro bocche aperte, con tanto di bacio bagnato.
La voce fuori campo ci informa, concludendo la scena, che il loro piano per non farlo più andar via è perfettamente riuscito.

Image


Film godibile, divertente soprattutto nella prima scena... grande simpatia del nostro Omar, che passa con nonchalance tra il ruolo del ragazzo scocciato per non poter essere andato in giro con gli amici al fratello pistonatore (che fa passare in secondo piano il pisello di qualunque collega)...

Se volete passare un paio d'ore con leggerezza, dateci un'occhiata ;)

VOTO: 7/10, perchè l'ultimo episodio mi è sembrato troppo confusionario, mentre i primi due (specie il primo) sono molto godibili, soprattutto il threesome.

Buona visione!!!

_________________
VolpeGrigia é un uomo che odora di muschio e cuoio, fuma la pipa e arrotola funi nei piccoli moli...
Insomma, é un uomo che sa vedere e guardare, guardare e capire le storie del mare...un uomo che sa capire il momento, godere la vita, giocare col vento... (Steiner)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Contatta l'amministratore

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010